La Serie A è ancora in bilico: la rivolta dei medici e la necessità di un vertice Conte-Gravina

13 Maggio 2020
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: < 1 minuto

SERIE A CORONAVIRUS – Non c’è pace per la Serie A. Ogni qualvolta si fa un piccolo passo in avanti – dall’ok agli allenamenti individuali a quelli collettivi dal 18 maggio, ndr – spuntano dei paletti e delle incongruenze che rendono tutto poco realizzabile. E comunque per nulla propedeutico ad una vera possibile ripresa del calcio giocato. Che poi è l’unico obiettivo dei club. I quotidiani, sportivi e non, riassumono oggi tutte le problematiche legate al mondo del calcio in Italia.

Il Messaggero: vertice Governo-FIGC necessario per stabilire...

Il quotidiano romano evidenzia come Il Premier Conte e il Presidente federale Gravina siano prossimi all’incontro decisivo per la ripartenza della Serie A. Un incontro che diventta assolutamente necessario per fare chiarezza. La FIGC chiede di fissare una data certa per il restart del campionato, e l’abolizione dell’obbligo di quarantena per tutta la squadra.

La Stampa, la rivolta dei medici: “Così non si parte, servono tutele”

Il giornale torinese pone l’accento sulla protesta dei medici di A, ai quali è stato effettivamente assegnato un peso da reggere fin troppo ingombrante. Nel Protocollo per gli allenamenti di squadra in vigore dal 18 maggio, si dispone infatti che se qualcosa dovesse andare male, la responsabilità civile e penale ricadrebbe sulle loro spalle. Le parole dello stesso Ministro Spadafora sull’assunzione di responsabilità da parte dei medici sociali dei club, alimentano i timori della categoria.

© Copyright - Atalantalive.it - Testata giornalistica in attesa di registrazione presso il Tribunale di Roma
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram