Nessun cambio nell'Atalanta durante l'ultimo giorno e primato in Serie A. Dea, forse vai bene così?

2 Settembre 2022
- Di
Martino Cardani
Tempo di lettura: 2 minuti

CALCIOMERCATO ATALANTA SERIE A- Boga al Leicester, Hateboer al Villareal, Muriel al Nottingham Forest, Malinovskyi al Marsiglia. e, invece, tutti ancora a Bergamo. Tutti all'Atalanta, alla corte di Gasperini. Che sì, forse avrebbe voluto qualche ricambio, qualche partenza ma, di certo, sa come far giocare i propri ragazzi.
Atalanta-Torino di ieri sera, giovedì 1 agosto 2022, è stata lo spot di quella che potrebbe essere la stagione della "nuova" Atalanta, una squadra così cambiata eppure così uguale a se stessa...

LEGGI ANCHE----> Serie A| Atalanta-Torino 3-1: la Dea torna in testa grazia a un super Koopmeiners

Calciomercato Atalanta: tutto fermo nell'ultimo giorno di trattative

Dalla possibile rivoluzione...

Aveva dato l'impressione di poter essere un finale di mercato infuocato per la Dea. I giocatori in partenza sembravano molti, con offerte pronte sul piatto e aerei quasi prenotati. Nella giornata di ieri, invece, le valigie dei giocatori della prima squadra dell'Atalanta sono rimaste chiuse e ben lontane dallo scalo di Orio al Serio, perché nessuno è partito.

Non che le possibilità non ci fossero. Abbiamo raccontato durante i mesi di luglio e agosto gli interessi, gli abboccamenti, le trattative vere e proprie per diversi giocatori neroazzurri. Il Mister stesso si è speso più volte, durante il mercato, per invocare una sorta di rivoluzione.

...Alle tante conferme

Poi c'è stato l'avvio di stagione. 10 punti in 4 partite, con uno spirito ritrovato. L'Atalanta ha sofferto a Genova con la Sampdoria, ha messo in difficoltà il Milan, ha vinto a Verona con grandi sacrifici difensivi e, ieri sera, ha sconfitto il Torino in una partita da Atalanta. Gli orobici hanno dimostrato di poter tornare a essere la squadra che ha incantato e che ha portato Bergamo a sognare i primi posti della Serie A e la Champions League.

La società, visti i risultati ottenuti in questo primo mese di lavoro, è stata chiara: i giocatori partono, ma solo alle nostre condizioni. Nessuno è stato disposto a ottemperarle e, quindi, tutti al servizio di Gasperini.

Gasperini che, forse, più di una rivoluzione, aveva bisogno di riuscire a mandare un messaggio a un gruppo che sembrava sazio. Il messaggio pare arrivato, possiamo prepararci a vederne delle belle.

Cardani Martino

© Copyright - Atalantalive.it - Testata giornalistica in attesa di registrazione presso il Tribunale di Roma
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram