Empoli, Zanetti: "Non recrimino nulla ai ragazzi, hanno dato l'anima"

17 Marzo 2023
- di
Viola Meacci
Categorie:
Condividi:
Paolo Zanetti Atalanta Empoli intervista Serie A 2022-2023
Tempo di lettura: 2 minuti

ZANETTI ATALANTA EMPOLI INTERVISTA - L'Empoli esce sconfitto dal Gewiss Stadium contro l'Atalanta, ma il mister dei toscani, Paolo Zanetti, in conferenza stampa e nell'intervista al termine del match ai microfoni di DAZN e Sky si è detto soddisfatto delle prestazioni della sua squadra.

Il commento di Zanetti su Atalanta Empoli

"Non recrimino nulla ai ragazzi, che anzi ringrazio perché hanno dato l'anima, sono usciti stremati, contro una squadra superiore rispetto a noi. La partita si era messa nel modo giusto rispetto al piano-gara, poi però ci siamo abbassati troppo grazie anche alla qualità dell'Atalanta che ci ha schiacciati.

Sono molto forti, hanno tanti ricambi. Competono per la Champions, noi dobbiamo salvarci. Avremmo firmato con il sangue per essere in questa posizione di classifica. La squadra mi segue, fa le cose che proviamo, ora seguiamo il rush finale.

Il gol-sconfitta arriva per un dettaglio. Un punto sarebbe stato importante per il morale. Vedere comunque i miei ragazzi che danno l'anima significa che anche tra me e loro c'è un gran rapporto, vogliamo uscire da questo periodo no".

I possibili motivi della crisi dell'Empoli

"Non è semplice dare una risposta. Siamo arrivati a un certo punto della stagione in cui si parlava di Europa e si facevano discorsi che non ci competevano, così facendo forse abbiamo perso la nostra dimensione. Questa squadra comunque non molla un centimetro, non ha mai sbracato, le sconfitte vanno analizzate. La squadra mi fa dormire tranquillo, ha gran cuore, sa soffrire. Siamo tutti delusi. Stavamo mangiando un po' troppa cioccolata e volevamo fare cose straordinarie, ma avrei firmato col sangue per arrivare a questo punto del campionato con un +9 sulla zona salvezza".

Le difficoltà

"L'Atalanta ha meritato di vincere, è una grande squadra che lotta per la Champions, ha dei cambi incredibili e nel secondo tempo si è visto. Se andiamo a vedere anche oggi abbiamo avuto diverse occasioni comunque.

Dobbiamo essere più concreti, più di quanto fatto finora. Il giocare bene è soggettivo, bisogna fare punti e per vincere servono i gol. Oggi abbiamo dimostrato che sui calci d'angolo la nostra struttura regge, ho messo giocatori più fisici. Sappiamo cosa c'è nelle corde dell'Atalanta, c'è tecnica ma anche grande fisicità nei duelli. Per me è una gara importante per capire quello che pensano del loro allenatore".

Su De Winter

È un giocatore importante, ha un bagaglio tecnico di un certo livello. Ha le stimmate per una squadra top, è giovane e sta facendo esperienza da noi. Con l'infortunio di Ismajli può avere continuità. L'ho visto bene in questi giorni, è molto freddo e non si lascia trasportare dagli eventi. Il periodo non è semplice e abbiamo pressione addosso, abbiamo abituato bene tanti. Lui mi è piaciuto, come Baldanzi, Fazzini, tutti del 2003".

La prossima sfida

"Ci si aspetta una partita importante col Lecce, abbiamo davanti un rush finale importante, il nostro obiettivo è chiaro. Quello che è successo oggi non conta più, mi tengo quello che c'è stato di buono. Le occasioni le abbiamo avute, ultimamente non siamo molto concreti, per vincere qui devi avere un'alta percentuale, non si hanno mille occasioni contro una squadra simile fuori casa, potevamo sicuramente andare sul 2-0, ma ci sarebbe stato da soffrire lo stesso contro una squadra che ha un potenziale enorme".

Su Ebuehi

"Lo conosco bene, è un ragazzo che ha grandi margini, basta vedere il gol che ha fatto, copre tanto campo e ha tanta corsa. È un ragazzo che deve crescere molto, ma è un nostro punto di forza".

Tags:
Logo facebookLogo InstagramLogo X Twitter
© Copyright - Atalantalive.it
Testata giornalistica in attesa di registrazione presso il Tribunale di Roma
chevron-down