atalantalive-gosens-robin-saluto-social-atalanta
Intagram @RobinGosens

ATALANTA GOSENS – Robin Gosens è vicino all’esordio con l’Inter. Il giocatore sta ancora recuperando dall’infortunio avuto quando ancora era un giocatore nerazzurro nell’Atalanta. Simone Inzaghi infatti non lo schiererà contro il Sassuolo, ma potrebbe convocarlo già la settimana prossima. Nel frattempo il giocatore ha rilasciato un’intervista al giornale tedesco 11Freunde, con il quale ha parlato del suo passato all’Atalanta

Il rapporto di Gosens con l’Atalanta

Lasciare Bergamo e l’Atalanta è stato incredibilmente difficile! L’Atalanta mi ha preso quattro anni e mezzo fa come un ragazzo sconosciuto dall’Eredivisie perché vedevano qualcosa in me. Mi hanno dato la possibilità di mettermi alla prova in uno dei migliori campionati del mondo. Gian Piero Gasperini ha continuato a darmi fiducia, ha continuato a schierarmi e mi ha permesso di crescere in modo tale che ora sono un giocatore di Serie A esperti. Grazie all’Atalanta ho realizzato due sogni che sembravano utopia solo cinque anni fa: poter giocare in Champions League e indossare la maglia della Nazionale. 

LEGGI ANCHE —> Fiorentina-Atalanta, Sottil: “La Dea avrà voglia di rivalsa, però noi siamo in un ottimo periodo”

Il trasferimento all’Inter

A Bergamo i tifosi mi hanno mostrato un apprezzamento che non avevo mai provato prima. E siccome sono diventato un vero uomo in questa meravigliosa città, è giusto che anche mio figlio sia nato a Bergamo. Nonostante questi forti sentimenti per il club e per la città, mi è stato subito razionalmente chiaro che il passaggio all’Inter fosse per me il passo giusto al momento giusto. In nerazzurro dovrò lottare sul campo in ogni allenamento e in ogni partita per poter recuperare i miei tempi, entrare a far parte a pieno titolo della squadra ed essere accettato dai tiosi. Questa è esattamente la sfida di cui avevo bisogno, ed è per questo che è il momento giusto per fare il cambiamento. L’Inter mi dà la possibilità e io la voglio assolutamente cogliere”.

Rispondi