Atalanta, parla Congerton, il mago delle rivelazioni di mercato

13 Febbraio 2023
- Di
Martino Cardani
Categorie:
Lo stemma dell'Atalanta
Tempo di lettura: 2 minuti

CONGERTON INTERVISTA ATALANTA- Lee Congerton, Direttore dell'Area Sport dell'Atalanta e vero e proprio genio dello scouting, ha rilasciato un'intervista alla BBC. Ecco le parole dello scopritore, tra gli altri, di Lookman e Hojlund.

Intervento riuscito per Hateboer: le condizioni dell'esterno

Atalanta, le parole di Congerton nell'intervista alla BBC

Congerton sull'essere "Head of Sports Department"

"Sono responsabile per tutti i dipartimenti, quindi prima squadra, scouting, Primavera, area medica, abbiamo un nuovo capo medico, un dipartimento analitico, lavoro in stretto contatto con Luca Percassi, il nostro CEO, e il board americano, capeggiato da Stephen Pagliuca dei Boston Celtics".

Congerton sulla vita a Bergamo

"A Bergamo mi trovo bene, la gente è molto attaccata al club, sono persone appassionate, mi piacciono. Ci sono grandi aspettative, anche da parte della stampa, ma stiamo gestendo un po’ tutto nel miglior modo possibile, con equilibrio, e la nostra speranza è quella di poter soddisfare queste aspettative riportando l’Atalanta in Europa. Sono molto soddisfatto di quello che stiamo facendo".

Gasperini su Congerton: "Lui a scoprire Lookman"

"Mi ha fatto piacere, ma non mi piace prendermi tutti i meriti, perché è sempre merito di tutti e quindi del club. Io lo volevo già al Celtic, Ademola. Certo, lo conosco bene, sin da ragazzino, ma è lui anche ad aver scelto noi, e ha fatto la scelta giusta. Poi lui è un ragazzo splendido e merita tutto quello che sta ottenendo. Spero che continui così, con gol e assist, con prestazioni di alto livello. Me lo auguro per lui e per il bene dell'Atalanta".

Congerton sulla sua carriera e i continui cambiamenti

"Ho sempre avuto quest'ambizione di andare all'estero, e la gente ha sempre parlato della mia apertura mentale, della mia mentalità internazionale, sono stato all'estero per studiare le squadre estere, ho sempre cercato di migliorare me stesso, ho sempre avuto l'ambizione di lavorare in serie A, anche prima dell'Atalanta".

Congerton sull'arrivo all'Atalanta

"Il calcio italiano mi ha sempre affascinato. Ho iniziato a conoscerlo grazie a Carlo Ancelotti durante la nostra comune esperienza al Chelsea. Era una opportunità giusta per me e andava colta. Sono qui per portare in dote al Club l’esperienza accumulata negli anni, nelle mie varie esperienze professionali, e per dare un contribuito alla crescita del club".

Congerton sulla pausa...poco riposante!

"Mi sono riposato pochi giorni, perché ero molto impegnato fra mercato, relazione con gli altri Club, visita in America per fare il punto della situazione con la proprietà americana, poi sono stato anche in Colombia al Mundialito… Insomma, tanto lavoro, anche se sul mercato non avevamo molto da fare perché avevamo già fatto investimenti molto importanti in estate".

Tags:
© Copyright - Atalantalive.it - Testata giornalistica in attesa di registrazione presso il Tribunale di Roma
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram